Biomasse ed eolico, il Consiglio regionale vota in favore del vincolo paesaggistico. In scena il nuovo Titanic del centrodestra

Un Consiglio regionale decisamente più lungimirante di un presidente Toma che, ancora una volta, non ha i numeri nell’Aula dove, questa mattina con 10 voti favorevoli, si è espresso sulla mozione, di cui è stata prima firmataria la capogruppo PD Micaela Fanelli, che chiede alla Regione di porre un vincolo ambientale e paesaggistico su quella porzione di territorio tra Riccia e Cercemaggiore, così da bloccare sia l’impianto a biomasse che il parco eolico che due diverse ditte vorrebbero realizzare.

Un atto che, oltre a sottolineare chiaramente la contrarietà del Consiglio regionale a qualsiasi progetto che impatti negativamente sulle aree ad alto pregio naturalistico e ambientale, mettendo a rischio le esigenze delle imprese, le produzioni agroalimentari di qualità, nonché gli interessi delle strutture ricettive e turistiche, concretamente impegna ora il Presidente della Regione ad attivare, di concerto con la Soprintendenza dei Beni Ambientali ed Archeologici in Molise, l’iter per dichiarare l’area interessata dai due progetti “di notevole interesse pubblico”, ai sensi dell’art 136 comma 1 lettere a) e d) del Decreto legislativo n. 42/2004.

Nello specifico parliamo della zona ricompresa fra la strada vicinale Mazzocco ad est e la strada vicinale Cerignano ad ovest, per le quali ora la Regione, di concerto con il Ministero e interessando la Regione Campania, dovrà esprimersi in favore del vincolo ambientale e paesaggistico.

Un primo indispensabile passaggio che oltre a fermare qualsiasi possibile ed eventuale tentativo di speculazione, va anche nella direzione di accelerare l’iter del piano Paesaggistico Regionale, di cui il Molise ha urgentemente bisogno e per il quale la mozione approvata oggi impegna sulla convocazione di un tavolo di coordinamento, che coinvolga anche la Commissione consiliare competente, le amministrazioni comunali, l’amministrazione provinciale di Campobasso e tutti gli stakeholders.

Inoltre, per dare certezza dell’affidabilità dei proponenti e della solidità di imprese, la mozione impegna la Regione Molise a integrare le disposizioni in materia di autorizzazioni per gli impianti da fonti rinnovabili, prevedendo importi più elevati, rispetto agli attuali, per la richiesta di fideiussioni bancarie o assicurative che, per aree di particolare pregio ambientale e naturalistico, deve essere non meno di 30 milioni di euro per l’impianto eolico e di 15 milioni di euro per l’impianto di biometano. Cifre commisurate agli investimenti previsti, che scoraggiando le imprese poco affidabili, si pongono come ulteriore tutela della trasparenza e della legalità, salvaguardando in questo modo gli interessi di cittadini e territori.

“L’atto approvato oggi – il commento della capogruppo PD, Micaela Fanelli, – pone in capo alla Regione e al governatore Toma impegni precisi che devono essere rispettati ed attuati, per proteggere gli interessi del Molise e dei Molisani”.

“Il mio grazie – ha continuato – va ai colleghi, anche quelli di maggioranza, che hanno votato favorevolmente la mozione nonostante i beceri tentativi del presidente, il quale ha provato a mettere in atto un patetico rimpallo di responsabilità pur di evitare di prendere un impegno preciso con l’Aula e con tutti i cittadini della Regione. Un tentativo mal riuscito che mette in evidenza esclusivamente la pochezza politica di chi vuole sfuggire a qualsiasi presa di responsabilità. Politicamente, oggi è andato in scena il nuovo ‘Titanic’ del centrodestra regionale che, con questo voto, ha di fatto affondato la “nave” capeggiata da Toma. Ora perciò alla Regione non resta che attuare il vincolo e mettere al riparo la nostra terra da qualsiasi impianto che possa danneggiare gli interessi del Molise che, in un momento storico delicatissimo come quello attuale, ha sì bisogno di energie alternative e di investimenti privati, purché essi siano seri, trasparenti, legittimi e non mettano in alcun modo a rischio il futuro di questa terra e dei suoi cittadini”.

01 Comments

  1. Ottimo lavoro. Il paesaggio è la principale vera risorsa del Molise. Brutalizzato equivale a affossare ogni possibilità di sviluppo del Molise. A fronte della minaccia concreta dell’invasione eolica solo una possibilità di difesa: vincoli, piano paesaggistico e individuazione zone idonee molto restrittiva. Tutti compiti della regione. Soprattutto pareri negativi in sede di conferenza di servizi. Brava Fanelli e tutti quelli che hanno votato la sua mozione. Il Molise non deve essere distrutto proprio ora che il turismo lo sta scoprendo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.